Mariusmele Avatar

19 Note

Come eravamo sul web

La prima pagina web andò online ufficialmente esattamente vent’anni fa, il 6 agosto 1991.

Il nome – World Wide Web – era stato scelto nel 1990 al Cern di Ginevra, il centro di ricerca scientifica e nucleare dove lavorava allora Tim Berners Lee, poi riconosciuto come “l’inventore del web”. Tutta storia ormai leggendaria, ripetuta e raccontata in rete come certi miti antichi, benché siano passati appena vent’anni. Esattamente vent’anni fa, infatti, il 6 agosto 1991, andò ufficialmente online il primo sito web della storia, a cui Berners Lee e i suoi colleghi avevano lavorato dal 1989 immaginando un sistema che consentisse ai ricercatori di condividere le informazioni più agevolmente in rete (internet esisteva da tempo, a volte qualcuno fa confusione) attraverso una visualizzazione più chiara e luso degli hyperlink.

La prima pagina web non è più online al suo indirizzo (era http://info.cern.ch/hypertext/WWW/TheProject.html) ma è stata riprodotta in rete: era un assai semplice indice di testi sul funzionamento del progetto. La data del suo debutto è considerata il 6 agosto 1991 in quanto Berners Lee ne comunicò in rete – su un newsgroup – l’esistenza e l’accessibilità, invitando a collaborare al nuovo progetto.

In questi vent’anni sono successe un sacco di cose, e il web è stato protagonista di molte di queste, ha cambiato il mondo e ormai ha tutta una sua storia e archeologia. Il progetto Wayback Machine permette di osservare le homepage di un grande numero di siti internet in diverse date degli scorsi anni, e di rendersi conto quindi di come sono cambiati la grafica e il contenuto dei siti nel corso del tempo (qui c’è il Post di un anno fa, agosto), ma anche com’erano diverse impostazioni e approcci

Wayback Machine è gestito da Internet Archive, un’associazione no-profit statunitense fondata nel 1996 che lavora per conservare e rendere accessibili un grande numero di materiali digitalizzati, tra cui siti web, musica e circa 3 milioni di libri di pubblico dominio (attraverso il progetto OpenLibrary.org). Vi si trovano archiviate le homepage di diversi siti internazionali e italiani, tra cui abbiamo selezionato un po’ in giro le versioni degli ultimi dieci anni, tipo album dei ricordi.

Risposte

Post piaciuti

  1. guedado ha rebloggato questo post da mariusmele
  2. postato da mariusmele

 

I reblog